Inizia l'era dell'Etna Valley 2.0: inaugurato ad Acireale l'International Cooperation Hub


La Sicilia sotto i riflettori del mondo, con l’inaugurazione del nuovo International Cooperation Hub di Simone Massaro, CEO BaxEnergy, un centro per la ricerca tecnologica e l’alta formazione, che sarà punto di riferimento del Mediterraneo, l'Etna Valley, a dire il vero un po' arrugginita negli ultimi tempi, entra nella fase 2.0, sbarca in provincia e stavolta mira a consolidarsi.

Una cerimonia di grande rilevanza storica per il suo valore etico e culturale, che ha messo insieme le più alte cariche del mondo politico, istituzionale e imprenditoriale, fra cui Stanislao Di Piazza, Sottosegretario di Stato del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Monsignor Antonino Raspanti, Vice Presidente Conferenza Episcopale Italiana e l’AD di Huawei, Thomas Miao, che si sono confrontati in un dibattito libero sui temi dello sviluppo e della tecnologia, coordinato dal giornalista Salvo Fallica.

Presente all’inaugurazione tra gli altri il vice presidente ed assessore all'economia della Regione Siciliana, Gaetano Armao; il sindaco di Catania, Salvo Pogliese; il sindaco di Acireale, Stefano Alì; il Magnifico Rettore dell’Università di Catania, il professore Francesco Priolo; Massimo Inguscio, Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche CRN; Mohamed Boudra, Presidente associazione municipalità del Regno del Marocco; Abu Ghanimeh, Preside della Facoltà di ingegneria e Tecnologia ad Amman, in Giordania e Alain Fremaux, Direttore IBM Business Development, EMEA.
Nuova Vecchia