E-commerce e web-marketing possono aiutare gli artigiani a ritrovare la competività in un mercato globalizzato

SHARE

“Abbiamo sempre creduto nelle potenzialità del web. Sin dai primi anni della nostra impresa artigiana ci siamo posizionati on line tra i primi risultati nei motori di ricerca grazie ad un’intensa attività di SEO con siti web pertinenti e ben strutturati. Vedendo i buoni risultati portati dal web anche in un settore tradizionale, è stato naturale virare in direzione di un prodotto vendibile anche a distanza, traendo vantaggio dall’espansione dell’ecommerce.” Così ha dichiarato Loris Di Francesco, fondatore di Tendastore (www.tendastore.it) in un’intervista rilasciata al magazine L’Impresa Internazionale.

Secondo DI Francesco, che ne ha avuto esperienza diretta nella sua attività, gli artigiani, possono acquisire direttamente le conoscenze e le capacità necessarie a condurre la loro personale strategia di web-marketing, semplicemente aggiornandosi sul web: “L'attività di web marketing è stata gestita in maniera autonoma, abbiamo voluto seguire in prima persona questa parte delicata per un'attività di vendita online. Devo dire che è determinante far parte di un gruppo di formazione social gestito da Marco Montemagno, figura di riferimento nella comunicazione online, nel quale ci sono decine di altri imprenditori e professionisti con i quali porto avanti quotidianamente test per migliorare le attività web, del resto in questo campo le regole del gioco cambiano ogni giorno ed è importante fare gruppo insieme ad altri imprenditori.

Un percorso, quello dell’e-commerce, che ha portato la sua attività non solo a consolidarsi in Italia ma, oggi, ad aprirsi verso i mercati stranieri “Sentiamo il bisogno di portare il nostro prodotto all’estero - conclude Di Francesco - con l’orgoglio del made in Italy e di un’artigianalità che ora è pronta per immettersi nel mercato internazionale. La preparazione a questo passo è iniziata già un anno fa con un intenso studio sul brand positioning e con la ricerca dei paesi potenzialmente più interessati al nostro prodotto.”
SHARE

0 commenti: