Header Ads

Startup, dall'idea all'impresa innovativa

Un futuro nel quale a chiunque, giovane e non giovane, sia concessa l’opportunità di trasformare il proprio talento in iniziativa imprenditoriale.Un futuro dove i luoghi dove si genera la conoscenza, cioè le scuole, dialoghino maggiormente con i luoghi in cui essa trova concreta applicazione, cioè le aziende. Un futuro che diventa ... presente: oggi le condizioni ci sono tutte affinché l’innovazione, fattore chiave per lo sviluppo economico, entri nella quotidianità dei siciliani e degli italiani e diventi il paradigma delle politiche economiche miranti alla crescita.

Ma per fare tutto ciò servono le idee innovative: si è svolto a Catania,in un noto albergo cittadino un seminario organizzato da Sviluppo Mezzogiorno sul tema “Startup: dall’idea all’impresa innovativa”, evento nel corso del quale si è descritto come un’idea innovativa possa realmente trasformarsi in una realtà imprenditoriale, ma anche cosa si intenda per startup, quando e come poter usufruire dei vantaggi che questa offre.

Alla presenza di una vasta platea formata dai soci di Sviluppo Mezzogiorno, sodalizio che coopta gli imprenditori e i docenti di tutte le regioni del Sud Italia,dai loro ospiti,dai professionisti del settore,ma anche e soprattutto dagli studenti delle scuole superiori del territorio invitati all’incontro, introdotto dal presidente di Sviluppo Mezzogiorno Antonio Castoldi è intervenuto il relatore, Franz Cannizzo,consulente di direzione ed organizzazione d'impresa e dirigente del prestigioso sodalizio,che ha illustrato l’iter ideale per la fondazione di una startup e per il suo sostegno, con le agevolazioni finanziarie e fondi pubblici, le manovre di marketing e il ruolo della banca, affinché un sogno imprenditoriale possa diventare realtà.

Poi sono intervenuti i giovani Giuseppe Puglisi ed Antonello Portale,che hanno invece raccontato la propria esperienza di successo, vera e propria case-history nel settore della cosiddetta “pet economy”. Un servizio veterinario professionale a domicilio che in pochissime settimane ha ricevuto adesioni in Sicilia e in tutta la Penisola.

A dimostrazione che, grazie anche alle normative esistenti - ha concluso Franz Cannizzo - le idee innovative possono cambiare la Sicilia e l’Italia per farle diventare un Paese dove davvero siano radicate la cultura del merito e della trasparenza, dove fallire non sia più un’odissea ne’ un’onta, dove le politiche siano in grado di auto-valutarsi e, laddove si rivelassero infruttuose, correggere il proprio corso.

Il messaggio che ne è scaturito è positivo: rendere l’Italia un Paese più ospitale per le nuove imprese innovative, le startup - siano esse digitali, industriali, artigianali, sociali, legate al commercio o all’agricoltura, o ad altri settori dell’economia - significa innanzitutto tentare di innescare un’inversione di tendenza in fatto di crescita economica e di occupazione, in particolare giovanile. Ma significa anche spingere affinché il nostro territorio diventi più veloce e dinamico, capace di tornare a scommettere sulle sue energie migliori.

Nessun commento:

Powered by Blogger.