Header Ads

Nasce Toctocdoor, il primo network social di quartiere



Ricreare socialità nel quartiere, ridare vigore a legami sociali deboli e fragilizzati, restituire senso e significato all’espressione “comunità”, oggi svuotata nella sua accezione british community: è questo l’obiettivo di una giovane startup italiana, Toctocdoor, il primo network social di quartiere.

E’ sempre più difficile, oggi, rinvenire questo spirito di comunità nel tessuto urbano sfibrato e autistico delle nostre città, se non in piccoli contesti associativi. Toctocdoor, con la sua piattaforma digitale, facile e accessibile, vuole portare la socialità oltre questi confini, nello spazio più prossimo a sé: il condominio, la strada, per trasformare le utilities in humanities.

Dalla forma dei quartieri ai rapporti economici, al funzionamento di spazi e servizi, tutto ruota, infatti, attorno al tipo di relazioni che riusciamo ad instaurare con gli altri.

Scambiarsi professionalità, conoscenze, portare avanti progetti di interesse comune, contribuire alla sicurezza e allo sviluppo sociale ed economico del quartiere, trarre i benefici che derivano da una maggiore interazione sociale. I sociologi tutto questo lo chiamano capitale umano.

Alcuni esempi possono aiutare a comprendere cosa accade all’interno di Toctocdoor: condividere esperienze, dare e ricevere informazioni sul quartiere, ottenere aggiornamenti sui servizi pubblici e in tema di sicurezza, pianificare un’uscita in bicicletta, scoprire chi ha la tua stessa passione per gli animali, chi sa tutto di cinema e chi ambisce a costruire una rock band.

Toctocdoor intende recuperare un pezzo della nostra identità per uscire dallo spaesamento di questi tempi, da questa bolla di solitudine global per provare a tessere il filo di una nuova e più autentica socialità, di un nuovo rinascimento.

Un social vero, dunque, che restituisce finalmente valore alle relazioni reali, non virtuali, che connette persone in carne e ossa, non avatar.

La startup ha da pochi giorni avviato il suo primo test nel centro di Torino e sta stringendo legami di collaborazione e dialogo con le realtà associative, con l’amministrazione comunale e con le altre startup innovative che operano sul territorio.

Nessun commento:

Powered by Blogger.