Header Ads

La startup italianway chiude il 2016 con un giro d’affari di 3,5 milioni di euro

Italianway, www.italianway.house, la startup milanese attiva nell’accoglienza turistica sul modello dell'ospitalità diffusa, chiuderà il 2016 con un giro d’affari di 3,5 mln di euro e 250 appartamenti in gestione continuando così il piano di crescita, per linee interne ed esterne, che prevede la gestione di 400 appartamenti sulla piazza di Milano ed un giro d’affari di 7 mln di euro entro il 2017.

Con 40 dipendenti assunti a tempo indeterminato, tutti ragazzi giovani con la conoscenza di almeno 3 lingue, ed un indotto di ulteriori 80 (imprese di pulizie, manutenzioni ecc.) Italianway ha aperto in stazione Centrale la terza reception diffusa: dopo Porta Garibaldi e Porta Venezia si vuole così affiancare al presidio di Quartiere dei punti di accoglienza presso gli ingressi alla città.

“Il 2016 è stato un anno molto importante per Italianway”, hanno dichiarato Davide Scarantino e Gianluca Bulgheroni, soci fondatori di Italianway, “perché stiamo dimostrando che il nostro modello di business non solo funziona ma permette una crescita esponenziale, in linea con l’obiettivo di diventare la principale struttura ricettiva di ospitalità diffusa a Milano. Grazie all’unione delle competenze immobiliari e alberghiere dell’Impresa Edilpark con il mondo di Internet e dell’innovazione tecnologica del Gruppo HQ e di Fractalgarden, Italianway riesce ad autofinanziarsi continuando a reinvestire gli utili in innovazione e capitale umano. Nel prossimo biennio valuteremo se aprire il capitale a partner finanziari esterni”.

L'aggiunta di video e foto ad alta risoluzione, la facile navigabilità, i testi curati e tradotti in 4 lingue, insieme all'integrazione con strumenti di prenotazione fanno di Italianway un riconosciuto innovatore del settore turistico, modificando il modello delle online travel agency (OTA) e legandolo al processo gestionale a valle della prenotazione. Il prossimo anno verranno fatti investimenti superiori al milione di euro in Ricerca e Sviluppo, con l’obiettivo da un lato di rafforzare ulteriormente la piattaforma di gestione, dall’altro di integrare sempre più la tecnologia IoT e la domotica negli appartamenti.

“Nei primi due anni ci siamo concentrati sulla costruzione di un sito di front-end responsive multilingua e di un'interfaccia di amministrazione facile da usare, oltre a un software complesso, realizzato su misura e proprietario, per gestire le prenotazioni e aggiornare i prezzi sulle Online Travel Agency”, ha dichiarato Manuel Zanola, CTO di Italianway e AD di Fractalgarden società partecipe del progetto. “Ora vogliamo fare un ulteriore salto di qualità puntando sempre più sull’integrazione delle tecnologie alla base della gestione della casa sfruttando le nuove opportunità dell’Internet delle cose. L’obiettivo è costruire e sviluppare un ecosistema fisico e un ecosistema digitale che interagiscano sempre più per rendere sempre più piacevole l’esperienza dei nostri ospiti”.

In un panorama immobiliare milanese che vede oltre 30.000 appartamenti invenduti e sfitti, a causa della crisi economica e delle complessità caratterizzanti il mondo delle locazioni tradizionali, il progetto di Italianway permette di valorizzare al meglio gli immobili restituendogli una nuova vita, che si affianca ad una valorizzazione dell’intera Città. I turisti sono seguiti da un personal concierge costantemente a disposizione, che, oltre a garantire la qualità del soggiorno, dà consigli sulle caratteristiche più tipiche e intriganti della città e dei quartieri. Italianway propone, infatti, ai clienti attività e itinerari, vere e proprie “esperienze di vita milanese”, che valorizzino le opportunità che la città può offrire.

Nessun commento:

Powered by Blogger.