Header Ads

Intervista a Egidio Sangue, direttore di FondItalia Fondo Interprofessionale

FondItalia è un Fondo Interprofessionale per la formazione continua, promosso dalla confederazione sindacale UGL e dalla confederazione datoriale FederTerziario, sulla base di uno specifico accordo di tutti i settori economici, compreso quello dell’agricoltura.

Ci può spiegare in breve cosa fa FondItalia?

FondItalia finanzia la formazione dei lavoratori delle imprese aderenti al Fondo, a livello aziendale, territoriale, settoriale e/o tematico.
Dal 2003, infatti, i Fondi Interprofessionali come FondItalia possono trasformare in formazione continua lo 0,30% del monte contributivo obbligatorio versato all’INPS dai datori di lavoro per i loro dipendenti.
Tutto questo senza alcun aggravio di costi per l’impresa. Le imprese possono quindi decidere di aderire a un Fondo, cogliendo l’opportunità di realizzare la formazione in maniera totalmente gratuita per l’impresa oppure non aderire ad alcun Fondo, continuando comunque a versare il contributo all’Inps.
Attenzione però a scegliere il Fondo giusto, ossia quello in grado di garantire un facile accesso dell’impresa al finanziamento.

Come Fondo siete cresciuti molto ed in pochi anni grazie alla particolare attenzione alle piccole imprese, in che modo in particolare siete riusciti ad essere vicini a realtà spesso disattente verso le formazione?

Il Fondo utilizza diversi canali di finanziamento che rispondono alle varie esigenze aziendali: il Conto Formativo, il Conto Aziende e il Fondo di Rotazione.
Il Conto Aziende (pluriaziendale), in particolar modo, consente ad imprese piccole, medie e grandi di far confluire quanto versato in un unico conto aggregato e usufruirne a rotazione.
FondItalia, inoltre, ha optato per una modalità di finanziamento a Sportello, consentendo di presentare Piani e Progetti con cadenza mensile, senza dover attendere bandi e avvisi e rendendo immediatamente disponibile il 70% delle risorse versate dalle imprese.
Si tratta di un modello collaborativo che ha incluso nel “sistema Fondi” anche le imprese che per dimensione, territorialità, settore, erano rimaste storicamente fuori dai suoi meccanismi.
Non è un caso che l’89% delle imprese che aderiscono al nostro Fondo, che ha al suo attivo un discreto numero di adesioni (oltre 89.000 imprese per circa 465.000 lavoratori, NdR), sia rappresentato da micro imprese, con un numero di dipendenti compreso tra 1 e 9, e il 71% sia localizzato al sud e nelle isole.

Molte startup puntano proprio sull’innovazione e quindi hanno bisogno di formare costantemente i propri collaboratori, cosa che però non sempre è semplice per aziende che stanno entrando ora sul mercato. Cosa può fare per loro FondItalia?

Le startup innovative hanno come oggetto sociale esclusivo, o prevalente, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.
Mai come in questo caso, la formazione assume un valore altamente strategico, teso a garantire la preparazione tecnica e specialistica del personale assunto. A sostegno di tali operazioni, il Fondo finanzia, anche sulla base delle indicazioni specificate dal CCNL di riferimento, la formazione degli apprendisti neo assunti e garantisce il supporto alla formazione altamente professionalizzante per dirigenti, tecnici, specialisti mediante il finanziamento di voucher individuali.

FondItalia non manca, inoltre, di sostenere iniziative particolari, qualora ne intraveda l’eccellenza.
È il caso del programma “Going International. Co-operare per costruire nuovi progetti di internazionalizzazione” alla sua II edizione. Il programma, promosso dal ELIS e rivolto a 30 selezionate PMI italiane, intende consentire ai partecipanti lo sviluppo un proprio progetto di internazionalizzazione in co-operazione con altre imprese, attingendo dalla loro esperienza, fruendo dei loro servizi e condividendo il loro network.

FondItalia, ravvisando nella proposta una grande opportunità per le PMI che oltre ad innovare prodotti e processi, intendono “innovare” anche il loro mercato di riferimento, si è reso disponibile a supportare, con un contributo pari al 50% della quota di iscrizione di personale – collaboratori, quadri e dirigenti – interno di tutte le PMI aderenti al Fondo, comprese le imprese appena costituite.
Per ottenere maggiori informazioni relative a FondItalia e le opportunità di formazione finanziata in generale o inerenti la specifica iniziativa, contattare il Fondo, utilizzando i riferimenti presenti sul sito www.fonditalia.org.

Nessun commento:

Powered by Blogger.