MVMANT vola a Dubai passando per Venezia

SHARE
Dopo il primo test sul campo, svoltosi con successo a Ragusa tra aprile e maggio, il team di MVMANT è pronto a raccogliere la sfida su scala globale nel campo della mobilità urbana on-demand.

MVMANT è stato selezionato dal Dubai Future Accelerators (DFA), un intensivo programma di innovazione, che con un budget di 275 milioni di dollari, trasformerà la città di Dubai in un campo di prova globale per idee e tecnologie all’avanguardia.

L’azienda siciliana sarà una delle 3 al mondo che lavoreranno a stretto contatto con l’autorità dei trasporti locale RTA (Road and Transport Authority), che ha ricevuto l’obiettivo di sviluppare prototipi e modelli di mobilità che consentano di tagliare la congestione del 20% e ridurre le emissioni di CO2 del 30%.

L’accettazione del progetto siciliano è avvenuto dopo una selezione durissima, che ha visto la partecipazione di 2.274 proposte provenienti da 73 nazioni, dove i team ammessi sono stati poco più dell’1% sul totale delle candidature.

Il programma del Dubai Future Accelerators (DFA) è stato lanciato dalla Dubai Future Foundation (DFF) ed è presieduto dal principe di Dubai Hamdan bin Mohammed bin Rashid Al Maktoum. L’iniziativa è iscritta all’interno del Dubai Future Agenda, che ha lo scopo di facilitare lo sviluppo sociale ed economico per le prossime generazioni a Dubai.

IL DFA è più grande acceleratore sostenuto dal governo, che connette le aziende più innovative al mondo e imprenditori con i principali dipartimenti governativi, per creare soluzioni in grado di generare grandi trasformazioni su scala globale.

Riccardo D’Angelo, CEO e founder di Edisonweb: “In appena un anno siamo riusciti a concretizzare una visione in una serie di tecnologie all’avanguardia, dimostrando che anche da un piccolo centro del sud si può e si deve scommettere al rialzo, senza scendere a compromessi e perseguendo il merito, con rigore e ambizione”.

Ma almeno in questa fase, non si potrà dire che le migliori tecnologie italiane prendano solo la via dell’estero, dato che la prima città a cogliere l’opportunità di introdurre in anteprima mondiale la piattaforma MVMANT sarà Venezia, questo grazie ad un accordo con la cooperativa radiotaxi Venezia-Mestre, che entro fine anno lancerà il servizio, dove già da ora è possibile iscriversi http://venezia.mvmant.com



SHARE

0 commenti: