La Start-up che conquista i genitori con la sharing economy

Quando crescono i bambini e ad ogni cambio stagione, il problema è sempre lo stesso: “cosa faccio dei vestiti che non vanno più bene a mio figlio?”. A soddisfare questa esigenza ci ha pensato L’ARMADIO VERDE, il primo marketplace per lo scambio e l’acquisto di vestiti per bambini 0-10 anni. I clienti spediscono i vestiti che i loro figli non usano più per prenderne altri in cambio. Con L’ARMADIO VERDE le mamme risparmiano e non sprecano.

L’idea nasce nel 2011 da due genitori Eleonora Dellera e David Erba che vedendo quanti vestiti regalati, acquistati e messi pochissimo si accumulavano, hanno pensato a come ovviare a questo spreco, ridando valore agli acquisti fatti.

Come funziona? La mamma si iscrive al sito www.armadioverde.it e spedisce gratuitamente i vestiti che i suoi figli non utilizzano più. Una volta ricevuti i vestiti, si analizza la qualità dei capi e assegnano un punteggio in stelline con il quale la mamma può scegliere altri vestiti dallo store online. Si paga solo il servizio di scambio, 5 euro per ogni vestito scelto. Se invece si desidera solo comprare, è possibile scegliere all’interno della collezione tra tanti capi di qualità.

“Da oggi il servizio è utilizzabile in tutta Europa grazie ad un accordo commerciale con UPS che permette di ritirare e consegnare le buste di vestitini a tutte le mamme italiane residenti all’estero” spiega David Erba, fondatore di L’ARMADIO VERDE. Il progetto di internazionalizzazione è in fase di sviluppo, per questo, al momento, il sito è ancora in lingua italiana. Grazie a questa fase iniziale di test potremo conoscere meglio le preferenze delle nostre clienti e sviluppare un marketplace a misura di tutte le mamme europee.
La responsabilità sociale d’impresa

L’ARMADIO VERDE sostiene AiBi, – Associazione Amici dei Bambini: un’organizzazione non governativa attiva in tutto il mondo, per combattere l’abbandono minorile con l’adozione, l’affido e il sostegno a distanza. Tutti i vestiti che non superano il controllo qualità per piccoli difetti di produzione o leggera usura vengono devoluti in beneficenza.

E’ possibile vestire bene il proprio bambino, essere una mamma alla moda, anti-spreco e solidale allo stesso tempo? Con L’ARMDIO VERDE, baby clothes sharing marketplace, si abbraccia un consumo responsabile senza rinunciare a vestiti di qualità.

Qualche numero: da inizio 2015 si sono scambiati circa 2.000 vestiti al mese; tra il 2013-2014 si sono attivati 25.000 scambi; L'ARMADIO VERDE conta oltre 1.500 mamme swapper, tra i 25 e i 45 anni.

L’azienda è stata capitalizzata da iStarter, un acceleratore di impresa. Obiettivo 2016 estendere e consolidare il modello di business in Europa con particolare attenzione alle mamme tedesche e francesi. L’ARMADIO VERDE è stato pubblicato nella sezione start-up di successo sul Fotolibro ANSA 2014.

SHARE THIS