207 i business center rilevati in Italia a Maggio da Ufficiarredati.it

Roma 49 sedi, Milano 37 sedi insieme rappresentano il 36% dell’offerta di spazi di uffici temporanei in Italia. La crescita dell’offerta di spazi di lavoro subito pronti non si arresta in Italia, continua a crescere anche spinta dalla conversione di immobili sfitti in Business Center. I dati della mappatura sono raccolti in una infografica.

Il primo business center ha inaugurato in Italia a Milano nel 1972, oggi in città se ne contano 37, 42 in tutta la provincia, sono invece 39 a Roma città e 42 in provincia. Le due città ospitano 76 strutture pari al 36% delle 207 sedi che Ufficiarredati.it® ha rilevato a Maggio nel corso della seconda mappatura di tutti i business center italiani. Cresce il numero dei business center rispetto ai 188 rilevati nel 2014, ci sono ancora due regioni però, Molise e Valle d’Aosta che non ospitano strutture al servizio di imprese e professionisti.

Cosa sono i business center? Sono dei residence dedicati al lavoro con stanze arredate ed attrezzate, sale riunioni, postazioni lavoro come nei coworking, che ospitano startup e grandi aziende che possono sceglierli come alternativa all’affitto o all’acquisto di un ufficio.

Cresce il numero dei business center, ma meno degli spazi di coworking, il livello di investimento economico per realizzare una struttura di 800/1000 metri quadrati è molto superiore. Cresce il numero di giornate di noleggio soprattutto per l’aumento della domanda di grandi aziende che cercano spazi già attrezzati per focalizzarsi soltanto sul proprio business. Cresce anche la domanda di noleggio “mordi e fuggi” noleggi orari, si contengono costi e si limita l’utilizzo al tempo strettamente necessario a volte una sola ora.

In Italia i business center non sono solo a Roma e Milano, Torino ne ospita 12 con una crescita del 50% rispetto al 2014, Catania 9 con un +50%. 52 di questi su 207, hanno avviato la propria attività tra il 2011 ed il Maggio 2015, l’avvento della sharing economy porta benefici al settore, molte delle nuove aperture sono il frutto di riconversioni di grossi immobili sfitti, proprio i costi di riconversione, l’infrastruttura tecnica, il personale, sono voci di costo importanti che rappresentano una soglia di ingresso importante.

Tutti i business center italiani sono inseriti in www.businesscenteritalia.it, sito web dove è possibile aggiornare i dati in tempo reale con nuove aperture, un sito dinamico al servizio di un settore che rimane ancora di nicchia in Italia, ma che si consolida anche attraverso la capillarità in città piccole e medie.

 

SHARE THIS