Domee, presto la versione 2.0 per la startup accelerata da Nana Bianca

Immagini, pensieri, conversazioni, link interessanti, idee, incontri. Ogni giorno mettiamo in rete qualcosa di noi, usando soprattutto i social. Un mosaico di tessere che compongono un disegno più complesso, “contenuti”, come generalmente vengono definiti, che raccontano la nostra storia.

A riunirla in un solo racconto completo e chiaro, utile anche per i professionisti che dalla rete possono ottenere visibilità e posizionamento per il loro lavoro, c’è Domee.

Creato nel 2013, accelerato da Nana Bianca e finanziato da P101 e da CII2, Domee si presenta all’inizio di un anno importante con un portafogli clienti di 20mila utenti registrati, un team di una decina di persone e un’agenda fitta di rilasci.

Il lancio di Domee 2.0, presentato in beta a un gruppo di utenti selezionati già alla fine dell’anno scorso, ha portato nuovi temi,personalizzabili nei colori e nella disposizione degli elementi,statistiche facili da consultare, gestione dei contenuti personalizzabileal massimo, grazie anche all’editor visuale che consente di modificare i contenuti pubblicati su Domee.

Adesso è in arrivo una feature ambiziosa, che permetterà di creare siti anche a partire da una fan page, portando in Domee imprese e attività commerciali con un solo click. Sul progetto c’è un comprensibile riserbo da parte del team, ma quello che è certo è che si tratterà di aspettare ancora poche settimane.

SHARE THIS