Giardino delle imprese, 16 mila euro alla culla intelligente MOMmut e al braccialetto Zyron

I due migliori progetti ideati dagli studenti che hanno partecipato al Giardino delle Imprese, la scuola informale di cultura imprenditoriale della Fondazione Golinelli gestita dal Trust Eureka, sono MOMmut e Zyron. Riceveranno ciascuno un finanziamento di 8 mila euro, oltre alla possibilità di essere inseriti negli acceleratori del Giardino delle imprese per altri 6 mesi per usufruire dei servizi di training, tutorship, utilizzo degli spazi e delle tecnologie, per realizzare veri e propri esperimenti di imprenditorialità. I due gruppi di ragazzi dei progetti finanziati accederanno dunque alla quarte fase del percorso previsto per loro, quella operativa, dopo aver frequentato la scuola estiva a luglio e dopo aver attraversato con successo la fase assistita di incubazione delle idee tra settembre e novembre.

MOMmut: la culla intelligente è il progetto del gruppo Daydreamers, composto da Patrizio A., Benedetta B., Lorenzo C., Francesca C., Anna M., Matilde Z, del Liceo scientifico Paulucci di Calboli di Forlì. MOMmut unisce la familiarità di una culla con gli ultimi traguardi nel campo dei wearable device (dispositivo indossabile) e non solo; garantisce a genitori e figli un sonno e una sicurezza migliori. Grazie a un dispositivo e a un braccialetto hi-tech, MOMmut sarà in grado di capire quando il bambino si sta per svegliare, cercando di farlo riaddormentare.
Motivazione del comitato: per l’attenta analisi dei bisogni della collettività e la creazione di un prodotto orientato al miglioramento delle Smart Cities.

Enahnce your sleep, improve your life: Zyron, il braccialetto che migliora la vita è il progetto del gruppo sOmnia composto da Lorenzo D., Riccardo G., Francesca M., Davide N., Ruben N., dell’IIS Alberghetti di Imola. Zyron è un tipo di braccialetto che monitora i parametri biologici; Zyron Home è un oggetto da posizionare in camera propria che controlla l'ambiente e che completa le analisi del braccialetto con la misurazione di una serie di parametri ambientali. Il sistema è intelligente: impara quali sono gli standard di sonno ottimali, fornendo consigli sullo stile di vita, connettendosi ai dispositivi domestici (come il termostato) per regolare l’ambiente in modo da garantire il miglior sonno possibile.
Motivazione del comitato: per l’impeccabile aderenza al bando proposto e per l’attento sviluppo di tutti i diversi ambiti progettuali.

“Abbiamo visionato e discusso le 8 idee di imprenditorialità – dice Antonio Danieli, direttore della Fondazione Golinelli - La selezione non è stata semplice, tutti i progetti hanno suscitato profondo interesse e curiosità. Anche per questo il Trust Eureka ha deciso di aggiungere ai finanziamenti dei progetti da inserire negli acceleratori due menzioni speciali e riconoscimenti per tutti i partecipanti”.

Le menzioni speciali vanno a Mo.mo, dispositivo che monitora il livello di stress durante il giorno e la notte, per l’elevata innovazione e la forte creatività alla base del progetto, e a Leuconoe, tecnologia che combatte i rumori attraverso lo studio di onde sonore, per l’originalità del progetto e la particolare attenzione al design dei dispositivi. Il premio consiste in un soggiorno a Milano durante l’EXPO, un’esperienza full immersion in alcune realtà culturali, scientifiche e imprenditoriali d’eccellenza e un buono acquisto alle Librerie.Coop di 70 euro.
Tutti gli altri gruppi riceveranno un buono acquisto alle Librerie.Coop di 50 euro.

Il comitato è composto da Marino Golinelli (fondatore e presidente della Fondazione Golinelli), Antonio Danieli (direttore della Fondazione Golinelli, membro del collegio dei trustee del Trust Eureka), Luca De Biase (editor Nova 24-Il Sole 24Ore, membro del collegio dei trustee del Trust Eureka), Riccardo Donadon (fondatore H-Farm Ventures) e Benedetto Linguerri (H-Farm Ventures), Donata Luiselli (docente di Antropologia molecolare al dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali dell’Università di Bologna), Matteo Cerri (assistente di Fisiologia al dipartimento di Scienze biomedicali e neuromotorie dell’Università di Bologna), Cristiano Albonetti (ricercatore Cnr di Bologna, docente dell’Università di Bologna).

SHARE THIS