Made in BO, le startup che puntano all'estero

Se nel 2013 l'Emilia-Romagna risulta la prima regione italiana per export pro-capite (11.500 euro) e la terza per valore delle esportazioni (51 miliardi di euro, +1,3 miliardi sull'anno precedente), la provincia di Bologna tocca il suo massimo storico restando la prima in regione e attestandosi come sesta provincia italiana per valore delle esportazioni (dati settore Statistica del Comune di Bologna). Mercato prediletto l’Europa, ma registra una bilancia commerciale con la Cina in miglioramento.

Così le giovani imprese bolognesi puntano lo sguardo verso l’estero e avviano politiche di internazionalizzazione per portare il made in Italy in Europa e oltreoceano. Venerdì 31 ottobre Made in BO “Imprese dell’altro mondo” presenterà 10 storie di eccellenza. Ospite Alessandro Rimassa, autore del volume “È facile cambiare l’Italia se sai come farlo”, edito da Hoepli.

L’appuntamento è venerdì 31 ottobre alle ore 19 presso Crete-Piece Unique in via San Felice 48/A a Bologna. Al termine spazio al networking. L’ingresso è gratuito previa registrazione online.

Le realtà imprenditoriali di eccellenza raccontate nel corso di Made in BO verranno votate sul sito dell’iniziativa Bo.cna.it/madeinbo. Quelle che riscuoteranno il maggior consenso parteciperanno alla selezione per il premio annuale Giovani Imprese, giunto al suo diciottesimo anno.

Made in BO è promosso da CNA Giovani Imprenditori Bologna con il contributo della Camera di Commercio di Bologna e di Emilbanca, la media partnership di QN - il Resto del Carlino e la partnership di Alce Nero, Rena, Wwworkers.it e Shift.

SHARE THIS