Apple Pay, da oggi negli USA sarà possibile effettuare pagamenti elettronici con iPhone

A partire da oggi, i clienti negli Stati Uniti potranno iniziare a utilizzare il servizio Apple Pay ed effettuare i pagamenti con un semplice tocco.

Il pagamento avviene in maniera semplice con un tocco: non serve compilare lunghi moduli o digitare più e più volte le informazioni di spedizione e fatturazione. Il numero della carta di credito resta privato e non viene condiviso con il negozio online. Lo shopping online dalle app permette agli utenti di pagare beni e servizi, inclusi abbigliamento, elettronica, prodotti per salute e benessere, biglietti e molto altro.

Apple Pay è studiato per proteggere le informazioni personali dell’utente. Non raccoglie alcun dato relativo alla transazione che potrebbe ricondurre direttamente all’utente e le transazioni di pagamento restano private e condivise solo fra acquirente, negozio e banca dell’acquirente. Apple non raccoglie i dati relativi alla cronologia degli acquisti, perciò quando l’utente fa acquisti in un negozio o paga il conto del ristorante, non sappiamo cosa ha preso, dove ha comprato o quanto ha pagato. I numeri delle carte di credito non vengono archiviati sul dispositivo: viene invece creato un codice univoco Device Account Number, crittografato e memorizzato nel Secure Element del dispositivo. Il Device Account Number nel Secure Element non viene condiviso con iOS né su iCloud.

Con Apple Pay, quindi, i pagamenti in app e nei negozi sono più facili, sicuri e privati, grazie al sensore Touch ID di iPhone 6 e iPhone 6 Plus. Gli utenti di iPad Air 2 e iPad mini 3, presentati oggi, potranno usare Touch ID e Apple Pay per effettuare pagamenti in app. Per abilitare il nuovo servizio è sufficiente scaricare l’aggiornamento software gratuito di iOS 8.

“Il nostro team ha lavorato duramente per rendere Apple Pay privato e sicuro, ma anche intuitivo e semplice da usare: per pagare basta un tocco,” ha dichiarato Eddy Cue, Senior Vice President Internet Software and Services di Apple. “L’accoglienza è stata incredibile. Ci sono sempre più banche, società di carte di credito e negozi che supportano Apple Pay: sarà una vera rivoluzione per i nostri clienti.”

“Siamo ansiosi di rendere ancora più facile e conveniente lo shopping da Whole Foods Market,” ha affermato Walter Robb, co-CEO di Whole Foods Market. “Siamo emozionati di essere fra i primi rivenditori ad accettare Apple Pay in tutti i nostri negozi sul territorio: rappresenta una soluzione veloce, privata e sicura per i nostri clienti.”

Apple Pay supporta le carte di credito e debito dei tre circuiti principali, American Express, MasterCard e Visa, emesse dalle banche più polari negli Stati Uniti. Oltre ad American Express, Bank of America, Capital One Bank, Chase, Citi, Wells Fargo e altri istituti, che hanno confermato l’adesione a settembre, più di 500 nuove banche nel Paese hanno aderito ad Apple Pay. Gli utenti possono fare acquisti in app e nei negozi con carte di credito emesse da molte delle principali banche del Paese, che rappresentano l’83% del volume di acquisti tramite carta di credito negli USA.*

I principali fornitori di soluzioni e terminali di pagamento come Adyen, Authorize.Net, Bank of America Merchant Services, Braintree, CyberSource, Chase Paymentech, First Data, Heartland Payment Systems, iMobile3, NCR, Oracle’s Micros, Stripe, TSYS e VeriFone, fra gli altri, stanno lavorando per offrire a negozi e app la possibilità di accettare pagamenti in modo facile, sicuro e privato con Apple Pay.

Apple Pay sarà disponibile con iOS 8.1 negli USA a partire da lunedì 20 ottobre. Per lo shopping nei negozi, Apple Pay funzionerà con iPhone 6, iPhone 6 Plus e, quando disponibile, Apple Watch. Per lo shopping online dalle app, Apple Pay è disponibile su iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPad Air 2 e iPad mini 3. Per verificare la validità della propria carta di credito, gli utenti possono rivolgersi alla propria banca; alcune banche potrebbero non supportare tutti i tipi di carta. Apple Pay potrà essere usato presso alcuni rivenditori e app nel 2014. Maggiori informazioni su www.apple.com/apple-pay.

Le app che supporteranno da subito Apple Pay includono: app Apple Store, Chairish, Fancy, Groupon, HotelTonight, Houzz, Instacart, Lyft, OpenTable, Panera Bread, Spring, Staples, Target e Uber. Molte altre aderiranno entro la fine dell’anno, fra cui app popolari come Airbnb, Disney Store, Eventbrite, JackThreads, Levi’s Stadium by VenueNext, Sephora, Starbucks, StubHub, Ticketmaster e Tickets.com, fra le altre.

*American Express, Bank of America, Capital One Bank, Chase, Citi e Wells Fargo attualmente disponibili; successivamente saranno aggiunte ulteriori banche, fra cui Barclaycard, Navy Federal Credit Union, PNC Bank, USAA e U.S. Bank.

SHARE THIS