In Emilia Romagna sono 13 gli incubatoti di startup innovative

Sono tredici i nuovi incubatori per startup innovative e creative su tutto il territorio regionale. Alcuni sono già attivi, altri stanno iniziando i lavori di ristrutturazione, ognuno di loro ha ottenuto un finanziamento dal bando dedicato allo sviluppo delle infrastrutture per la competitività del territorio della Regione Emilia-Romagna.

Ecco una breve descrizione dei progetti:

  • Rimini Tourism Venture Incubator: progetto del Comune di Rimini, un incubatore specializzato nel turismo e nelle nuove tecnologie che fornisca una combinazione tra servizi e finanza a sostegno delle nuove imprese innovative. Dopo la ristrutturazione sarà attivo a partire da gennaio 2015.

  • Urban Hub: progetto del Comune di Piacenza, avrà due sedi. Nella sede principale saranno allestiti: fabbing area (workstation, stampanti 3D), showcase box (spazi a rotazione per esposizioni temporanee), skill wall, memory e social area (per presentazioni ed incontri), lounge bar e laboratori di ricerca (Unilab, WaterLab e BluEconomyBrainLab). Nella sede secondaria ci sarà invece una sala per concerti a struttura multimediale e multi-funzionale per la produzione audio-video e per la realizzazione di eventi multimediali in streaming. Partirà a maggio 2015.

  • ATR Contemporaneo: promosso dal Comune di Forlì insieme alle associazioni Città di Ebla, Spazi Indecisi e Romagna Creative District. Vuole favorire la convivenza di incubatori d’impresa e sperimentazione artistica-culturale all’interno di uno stesso spazio, individuato nell’Ex deposito delle corriere di ATR-Agenzia per la Mobilità della Provincia di Forlì-Cesena. L'obiettivo è quello di unire due approcci diversi in un unico luogo di confronto, dove le attività di professionisti e giovani PMI che operano nel mondo della creatività e dell’innovazione possano convivere e dialogare con l’arte performativa contemporanea.

  • TRAIN-ER: progetto del Comune di Reggio Emilia in collaborazione con Reggio Emilia Innovazione, Sinergie Soc. Cons. a R.L. e l’Università di Modena e Reggio Emilia. Gli altri partner, tra cui Unindustria, Camera di Commercio, Reggio Children e le altre aziende e associazioni private, saranno coinvolti a vario titolo. Per definire le attività dell'incubatore si è attivato un tavolo tecnico dedicato al progetto e coordinato da REI, aperto a tutti gli iniziali aderenti e ad altri soggetti rilevanti del territorio provinciale e regionale.

  • Spazio Grisù: ex caserma dei Vigili del Fuoco di Ferrara messa a disposizione dalla Provincia e destinata a incubatore creativo (già attivo). La gestione dello spazio è attualmente competenza dell'Associazione Grisù che seleziona i progetti e si occupa della concessione degli spazi alle startup culturali e creative.

  • Mercato Coperto: progetto del Comune di Ferrara per la conversione del mercato coperto a spazio creativo destinato alle ICC. Prevista una concessione di 10 anni per la gestione dello spazio. L'attività di incubazione dovrebbe iniziare dal prossimo autunno in concomitanza con i lavori di ristrutturazione di parte dello spazio.

  • Hub Modena R-Nord: il progetto è sostenuto dal Comune di Modena con la collaborazione di CambiaMO S.p.a., Fondazione Democenter, Camera di Commercio di Modena e Softech Lab. L'Hub sarà formato da tre strutture: Incubatore (100mq per 3 uffici per startup ICT già costituite), Fab Lab (200mq allestiti con stampanti 3D, saldatrici e computer con software di progettazione) e Co-Working (220mq, spazio attrezzato con scrivanie affittabili anche per un solo giorno).

  • CoLaboRA: incubatore creativo promosso dal Comune di Ravenna da realizzare nella Darsena di Ravenna. Il progetto è quello di inserire 4 startup ogni 2 anni, offrire uno spazio per 10 coworkers e spazi polifunzionali anche per esterni.

  • Nic-Net: sarà il nuovo incubatore creativo del Comune di Faenza con coworking (gestito dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Faenza), Fab Lab (gestito da ISIA), Officina Lab (gestito da CNR/ENEA/CERTIMAC/CIRI) e incubatore (gestito da Parco Torricelli).

  • Cesenalab: è un incubatore e acceleratore di imprese nei settori digital, web e new media già attivo da maggio 2013 e promosso dal Comune di Cesena. Offre numerosi servizi come: sede, consulenza con business angel, link con ricercatori, contatti con fondi di investimento, formazione, assistenza legale e commerciale. Ad oggi ospita nei propri spazi già 6 startup.

  • Daisy - Le Serre dei Giardini: progetto del Comune di Bologna per la riqualificazione delle palazzine dei Giardini Margherita in collaborazione con Aster, Kilowatt, Fondazione Marino Golinelli e Il Sole 24 Ore. Il progetto partirà già in estate con le attività di animazione di Kilowatt, la business summer school per studenti delle superiori organizzata dalla Fondazione Marino Golinelli e eventi per startupper organizzati da Aster.


SHARE THIS