Da ricercatori a capitani d’impresa con Re-Seed

Aiutare i giovani con un curriculum nel campo della ricerca a diventare imprenditori creando spin off ad alta intensità tecnologica.

E’ questo lo scopo di Re-Seed, un’iniziativa che vuole creare nuovi sbocchi occupazionali per i ricercatori del Friuli Venezia Giulia. Per fare questo i promotori del progetto (Università di Udine, Friuli Innovazione e SISSA) fino al 7 maggio prossimo raccolgono e selezionano idee di business per la creazione di spin-off tecnologici. Ai migliori candidati che presenteranno una proposta su www.re-seed.it verrà offerto un percorso personalizzato e gratuito di formazione imprenditoriale, composto da seminari e consulenze manageriali di valore paragonabile a quello di un’automobile utilitaria.

Finora sono già 45 gli aspiranti imprenditori selezionati da Re-Seed che, singolarmente o in gruppo, hanno presentato 29 idee di impresa. Quasi la metà dei partecipanti sono donne, un segnale positivo di un progressivo raggiungimento della parità di genere anche nelle iniziative regionali a sostegno dell’imprenditoria. Tra le idee, la fa da padrone il settore ICT in senso ampio - dallo sviluppo di app a nuovi sistemi per la trasmissione dati attraverso lo streaming. Oltre alle tecnologie dell’informazione, gli altri ambiti di riferimento dei progetti selezionati dal comitato tecnico-scientifico Re-Seed sono il biomedicale, le energie rinnovabili e l’ambiente.

Requisito imprescindibile per i candidati è la residenza o il domicilio in Friuli Venezia Giulia. Possono partecipare ricercatori dipendenti, assegnisti di ricerca, laureati con alle spalle attività di ricerca di almeno nove mesi, allievi di corsi di specializzazione post laurea e post dottorato, dottorandi e dottori di ricerca che abbiano un’idea d'impresa, anche solo a livello generale. L’importante è iscriversi online entro il 7 maggio, giorno in cui chiuderà l’ultimo sportello del progetto, che è un’iniziativa di alta formazione finanziata dalla Regione Friuli Venezia Giulia attraverso il Fondo Sociale Europeo.

SHARE THIS