Su Wired di settembre una guida ai finanziamenti per le start-up

Ci sono 80 milioni di euro pronti per voi: nel numero di Wired di settembre, già edicola, trovate una guida sui finanziatori di startup. Chi sono le 40 società di venture capital (e non solo) che hanno soldi da investire in Italia? Ve lo raccontiamo nelle pagine della rivista e in un database online dedicato a ciascuna di loro. In più vi spieghiamo dove raggiungerli e come convincerli a credere nella vostra idea.

Trovare finanziamenti per la propria startup non è facile, soprattutto in un paese come l’Italia che si colloca negli ultimi posti della classfica europea per gli investimenti in innovazione. Ci sono però società che premiano le idee e cercano di farle diventare imprese. Occorre avere progetti chiari e saper parlare la lingua delle grandi aziende internazionali. Il settore del digitale, infatti, domina nettamente il mercato e attira oltre oltre il 50% dei fondi, seguito da servizi finanziari, terziario avanzato e cleantech, tutti e tre al di sotto della soglia del 10%. La regione che ne attira di più? È la Lombardia, con il 37% del totale, seguita da Toscana (11%) e Campania e Piemonte (entrambe al 10%), mentre il Sud complessivamente non arriva al 25%.

Le opportunità quindi esistono, nonostante la crisi economica, anche se non basta solo una buona intuizione. Si devono conoscere i regolamenti in vigore su startup e crowdfunding, bisogna preparare una richiesta di finanziamento e pensare a un solido modello di business. Ogni anno nel nostro paese vengono investite decine di milioni di euro e spesso si inizia a interagire con le società di investimento partendo da un contatto informale. Ecco perché abbiamo deciso di costruire una bussola per orientarsi nel mondo dell'innovazione, che in questo momento di difficoltà ha bisogno di fatti, non di parole.

SHARE THIS