Start Cup Puglia 2013 ecco i vincitori

Una scatola per pizza riciclabile interamente riciclabile: EcoPizzaBox è il vincitore assoluto della Start Cup Puglia 2013, nonché il vincitore per la categoria Industrial. E ancora, per la categoria ICT-Social Innovation il vincitore è Joinmethere TV, un'applicazione per smart-phone che permette di costruire un proprio profilo, un proprio network e un proprio palinsesto Tv, contribuendo attivamente alla costruzione della prima web-tv geolocalizzata; per la categoria Agrofood-cleantech, il vincitore è Skyline, un innovativo sistema di telerilevamento per la viticoltura, in grado di rispondere alla crescente richiesta di un supporto tecnico per il miglioramento della qualità produttiva vitivinicola, che funzione grazie a un drone; infine, per la categoria Life Science, vince AVR Med, che utilizza la Realtà Aumentata e, fornendo una sorta di visione a raggi X degli organi interni del paziente grazie alla sovrapposizione di modelli virtuali realizzati dalle sue immagini mediche, permette di ridurre la complessità di alcune procedure chirurgiche, i rischi per il paziente e il tempo necessario per eseguire l’intervento.

Sono questi i vincitori della sesta edizione della gara tra business plan. All’edizione 2013 della competizione si sono iscritte 176 business idea e, tra queste, ben 76 sono evolute in business plan completi, registrando un incremento del 23% rispetto alle 62 compagini in gara nel 2012 (già in crescita rispetto alla precedente edizione) ed un raddoppio rispetto ai 38 business plan presentati nel 2011.

“La grande partecipazione alla Start Cup Puglia testimonia non solo la crescente notorietà della competizione in Puglia, ma soprattutto l’attenzione sempre maggiore che la società in generale attribuisce ai temi del fare impresa creativa e innovativa e dell’autoimprenditorialità anche nella nostra regione”. Con queste parole Eva Milella, presidente dell’ARTI, ha presentato la cerimonia di premiazione della Start Cup Puglia 2013, la competizione regionale tra i migliori piani d’impresa impresa.

“Il nostro obiettivo come ARTI – ha proseguito la presidente Milella - è anche quello di continuare a seguire da vicino tutti i finalisti, non solo i vincitori, aiutandoli a sfruttare al meglio l’occasione che la partecipazione alla Start Cup Puglia ha dato loto”.

Loredana Capone, assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia ha sottolineato l’effetto catalizzatore di manifestazioni quali la Start Cup Puglia, che contribuiscono a potenziare la rete che unisce i soggetti del sistema regionale dell’innovazione. Rivolgendosi ai finalisti, infatti, ha affermato: “Il futuro siete voi, siete il motore del nostro domani e i giovani protagonisti della comunità degli innovatori pugliesi. Occorre avere fiducia nelle proprie potenzialità ed essere consapevoli che con il merito è possibile farcela. L’impegno delle istituzioni affinchè cambino le cose c’è, ma ora occorre lo sforzo di tutti affinchè il cambiamento non sia un tema del futuro, ma sia al centro delle prorogative del presente, affichè l’offerta di ricerca e innovazione generi una domanda da parte del sistema delle imprese e affinchè l’occupazione in Puglia sia sempre più smart, inclusiva e sostenibile”.

La cerimonia di proclamazione dei vincitori si è svolta nel pomeriggio di oggi nella cornice del foyer del Teatro Petruzzelli di Bari, alla presenza di rappresentanti del mondo regionale della ricerca e dell’impresa, che da sempre accompagnano proattivamente le iniziative che favoriscono l’autoimprenditorialità.

A ciascuno dei vincitori spetta un premio in denaro di 10.000 euro e la partecipazione di diritto al Premio Nazionale per l’Innovazione, che quest’anno si svolgerà a Genova il 30 e 31 ottobre, nell’ambito del Festival della Scienza. Al vincitore assoluto della manifestazione va poi un ulteriore premio in denaro pari a 5.000 euro.

Menzione d’onore anche ad HiQ-Nano, che si occupa di ricerca, sviluppo, produzione e commercializzazione di nanoparticelle di eccellente qualità, di diversi materiali e con differenti proprietà chimico-fisiche per soddisfare le richieste del mondo sia accademico sia industriale e a Smarfle, player musicale smart e social in grado di apprendere i gusti musicali degli utenti, associarli alle attività che svolgono e proporre loro in maniera automatica i brani da ascoltare.

I business plan in gara sono stati valutati dalla Giuria presieduta da Riccardo Pietrabissa, esperto a livello internazionale di trasferimento tecnologico e cultura dell’innovazione e attualmente presidente di Netval, Network per la valorizzazione della ricerca universitaria, e composta da Luca De Rosa (ingegnere chimico, attualmente general manager Europa di un’azienda statunitense nel settore chimico), Alfonso Casale (imprenditore di Telcom, azienda pugliese leader nel settore termoplastico), Domenico Laforenza (direttore dell’area di Pisa del Cnr), Mariella Stella (impegnata nel sociale nell’associazione Casa Netural, spazio di co-working e co-living), per giungere ad una short list di 12 progetti finalisti, suddivisi nelle quattro categorie in concorso (Industrial, Agrofood-cleantech, ICT-Social innovation, Life science) che si sono affrontati a colpi di pitch da quattro minuti ciascuno nella finale tenutasi stasera per dimostrare il valore commerciale della propria idea.

La Start Cup Puglia 2013, come le precedenti, è organizzata dall’ARTI - Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione su incarico dell’Assessorato allo Sviluppo Economico - Area Politiche per lo Sviluppo Economico, il Lavoro, l’Innovazione della Regione Puglia, nell’ambito del Progetto “Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca – Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2”. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con l’Università e il Politecnico di Bari, l’Università di Foggia, l’Università del Salento, la LUM Jean Monnet, il CNR e l’ENEA e, come per l’edizione precedente, con il programma regionale Bollenti Spiriti e il PNI - Premio Nazionale per l’Innovazione.

SHARE THIS